Archivi tag: Marocco

Perchè visitare Chefchaouen

Standard
berbera-strade-citta-marocchina

Se il blu è il vostro colore preferito, la adorerete. Ma anche se amate scoprire piccoli paradisi ancora poco esplorati e immergervi nel fascino dell’atmosfera di altri tempi. Così come se amate i gatti, la buona cucina, l’artigianato, il trekking, la natura, la montagna ecc. ecc.

Chefchaouen è una destinazione non ancora molto conosciuta in Marocco, ma sono davvero tanti i motivi per cui affascina i viaggiatori di tutto il mondo. Possiede infatti uno charme unico per passare momenti magici nel cuore delle montagne del Nord del Marocco.

A partire dagli anni ’30 i muri della sua medina sono stati dipinti di blu. Anzi, di tutte le tonalità di blu che possiamo immaginarci: dall’azzurro al blu elettrico, dal cobalto al blu confetto. Una coreografia di tinte che ricorda il cielo o l’oceano e che avvolge il viaggiatore sin dai suoi primi passi.

E’ possibile visitarla in una giornata ma, per scoprirne davvero l’anima, sarebbe necessario avere a disposizione un po’ più di tempo. Il suo artigianato è, per esempio, davvero ricco e presenta caratteristiche uniche in tutto il Marocco e la cucina è stata inserita tra i patrimoni immateriali dell’Unesco.

Noi la adoriamo ma, ne siamo certi, vi innamorerete anche voi di questa piccola città blu.

Annunci

Le Città Imperiali: Meknes

Standard

meknesMuramedina

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta delle città imperiali del Marocco. Questa volta parliamo di Meknes, la più piccola delle quattro città imperiali del Marocco, ma non per questo meno bella e affascinante.  Si tratta, infatti, della città meno turistica delle capitali imperiali e, di conseguenza, la più facile da girare.

Oggi Meknes è un importante centro agricolo della regione, ma un tempo la città era destinata ad entrare nella storia perché avrebbe dovuto ospitare il più grande Palazzo reale del paese. Meknes è stata infatti la capitale del Marocco sotto il regno di Moulay Ismail (1672–1727) e, sebbene i suoi sogni non si siano avverati e, quindi, il palazzo più grande non poté essere costruito, egli lasciò comunque la sua impronta sulla città. Costruì infatti numerosi edifici, giardini, porte monumentali, moschee (da qui il soprannome di “Città dai cento minareti”) e le lunghe mura di 40 km. Il Sultano Moulay Ismaïl trasformò questo insediamento militare in una città imperiale e spostò qui la capitale del suo regno, che durò per oltre cinquanta anni.

Il giorno in cui la principessa francese dell’epoca si rifiutò di sposarlo, Moulay Ismail decise di costruire un palazzo che doveva essere più grande e maestoso di quello di Versailles . Oltre 50.000 schiavi neri furono obbligati a lavorare per la costruzione di questo palazzo e molti di loro perirono per le condizioni di lavoro estreme. Sebbene il Sultano sia stato uno dei peggiori tiranni del suo paese, è però tuttora riverito nel suo mausoleo.

Palazzo Reale MeknesIl figlio, Moulay Abdallah e il nipote, Sidi Mohamed ben Abdallah, completarono la costruzione della città Imperiale, sfortunatamente però nel 1755, un terremoto distrusse parte della città e, nel 19° secolo, Meknes smise di essere una città imperiale e finì nel dimenticatoio.

Nel 20° secolo Meknes recuperò parte del suo ruolo precedente come centro commerciale del paese. Oggigiorno, con oltre mezzo milione di abitanti, Meknes è la quinta città del Marocco.

La città di Meknes, come la maggior parte delle città nordafricane, è suddivisa in due parti: la città vecchia (la medina) e la città nuova. Nella città nuova (chiamata in francese Ville Nouvelle) si trovano le stazioni degli autobus e dei treni, così come la maggior parte degli hotel. Nella Medina si trovano invece quasi tutti i monumenti.

A Meknes ci sono tre zone degne di nota: le pietre miliari di Moulay Ismail; i souq e i vicoli della Medina e il quartiere ebraico (la Mellah). Sicuramente uno dei posti più interessanti della medina è la sua piazza principale, El-Hdim. Questa piazza è simile a quella di Marrakech, ma più piccola e tranquilla. Qui sembra di trovarsi in un circo all’aperto. La piazza, infatti, è sempre affollata da musicisti locali, cantastorie, guaritori tradizionali e incantatori di serpenti. Diversamente da altre città del Marocco, gli artisti qui si esibiscono per la gente del posto, non per i turisti.

Grazie alla sua combinazione armonica di elementi di origine islamica ed europea nella sua struttura e progettazione, la Medina di Meknes è parte del Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1996. Al suo interno  si può trovare una delle più belle scuole coraniche di tutto il Marocco, la Medersa Bou Inania. Fu costruita nel 14° secolo e, al secondo piano, è possibile visitarne le celle degli studenti.

Sebbene più piccola delle sue controparti a Marrakech e Fez, la vecchia medina di Meknes, dove si trovano i souq, è un gioiello da scoprire. Troverete una scelta minore di souvenir, ma sicuramente a prezzi più vantaggiosi e avrete a che fare con negozianti più gentili e meno insistenti rispetto a Marrakech e Fes.

MausoleoMeknes

Un altro interessante monumento da visitare a Meknes è il mausoleo di Moulay Ismail del 18° secolo. I turisti possono solo visitare una stanza, mentre le tombe reali possono essere visitate solo dai musulmani.

Anche i Granai reali sono degni di nota e di una visita. Le enormi stanze in cui un tempo veniva conservato il grano, danno infatti un’idea delle dimensioni di questa città Imperiale. Accanto ai granai si trovano le scuderie e un lago di 4 ettari utilizzato per annaffiare i giardini della città. Le scuderie reali potevano ospitare fino a 12.000 cavalli.

Molto belle da vedere sono anche le porte monumentali di Meknes con i loro splendidi intagli e mosaici, che danno accesso alla medina: Bab Berdain, la porta dei tappezzieri del 17° secolo; Bab Tizim; Bab el Khemis, Bab er Rih, e la più famosa Bab El Mansour, del 18° secolo, dove si tenevano le udienze della corte e dove venivano appese le teste delle persone giustiziate.

Vale sicuramente la pena anche visitare i dintorni di Meknes con Volubilis, uno dei siti romani più grandi del Marocco e patrimonio dell’Unesco. Qui si può vedere l’arco di trionfo, il capitello, il foro e alcuni pavimenti con bei mosaici.

Per concludere, Meknes è una città più sicura e tranquilla delle altre città imperiali, dove i turisti possono camminare liberamente, senza essere assaliti continuamente dai vari venditori o false guide. Non dimenticate comunque che si tratta pur sempre di una città ed è quindi essenziale fare sempre attenzione. Dopo di che lasciatevi trasportare da questa città senza tempo e dalla sua medina bianca, che vi incanterà per la sua bellezza e semplicità.

Volubilis

Le città Imperiali: Fez

Standard

FezMedina

Proseguiamo nel nostro viaggio alla scoperta delle città imperiali del Marocco. Questa volta parliamo di Fez, la seconda città più grande e allo stesso tempo la più antica di questo paese.

Fez venne fondata nel IX secolo, poco dopo che gli arabi ebbero invaso il Nord Africa e la Spagna e ben presto diventò il centro religioso e culturale del paese.

La sua medina è un sito dell’UNESCO e, con i suoi 12 km di estensione, è considerata l’area urbana chiusa al traffico più grande esistente al mondo. La madrasa o scuola coranica Al-Quarawiyyin, fondata nell’859 BC, è la più vecchia madrasa ancora funzionante al mondo, laddove la moschea Kairouine è stata per lungo tempo la più grande del Marocco, fino alla costruzione della famosa moschea di Hassan II a Casablanca, qualche decina di anni or sono. Insomma, una città ricca di attrattive.

MadrasaFes

Sicuramente però la miglior cosa che vi consiglio di fare a Fez è visitare la sua medina, ricca di scuole coraniche, dal loro fascino antico e finemente cesellate, dove sembra di tornare indietro nel tempo, ai racconti di Mille e una notte di una qualsiasi città araba. Qui, infatti, tutto sembra essere rimasto invariato ai tempi del Medioevo.

All’interno di questa immensa medina, gli artigiani lavorano ancora a mano il ferro, il legno e le pelli. Qui si vedono e si sentono così tanti colori, suoni e odori da riuscire a confondere chiunque vi entri, percorra il dedalo di centinaia di viuzze senza nome e si permetta il lusso di perdersi e rivivere sensazioni ormai passate e sepolte altrove, ma non qui nella medina di Fez.

La leggenda narra che il nome della città, che in arabo significa ascia, derivi da un’ascia d’oro che sarebbe stata rinvenuta sotto terra durante gli scavi per la costruzione della città. La città ha poi prestato il suo nome al tipico copricapo musulmano cilindrico, che si chiama infatti Fez.

Delle quattro città imperiali, sicuramente Fez, con la sua medina immutata nel tempo, è la più particolare. Il suo colore simbolo è il blu, per la ceramica tipica di questo colore che viene ancor oggi prodotta qui.

CeramicaFez

A Fez, infatti, l’artigianato è ancora molto fiorente e rinomato. All’interno della medina, suddivisa in base ai vari mestieri, è possibile trovare il quartiere dei maniscalchi, che lavorano e battono a mano il ferro, il quartiere dei ceramisti che producono vasi e vasellame vario a mano, nonché splendidi mosaici con cui adornano ogni genere di mobile o muro.

C’è poi il famoso quartiere dei conciatori di pelle, dove è d’obbligo coprirsi il naso con un rametto di menta, per non rischiare di svenire dalla puzza e dove è possibile osservare i conciatori a mollo in acque putride dai tanti colori con i calzoni tirati su fino al ginocchio, in qualsiasi periodo dell’anno. Il mio pensiero ricorrente quando li vedo è che queste persone non possono sopravvivere a lungo in queste condizioni di lavoro!!

ConciatoriFes

Senza contare poi gli innumerevoli negozi che vendono di tutto: carne di qualsiasi animale, generi alimentari di ogni tipo, vestiti, gioielli, tappeti e addobbi per i matrimoni in grande stile (tipo troni argentati in stile Bollywood!!). L’importante  anche qui, come a Marrakech, è che se volete acquistare qualcosa è sempre bene trattare il prezzo e farvi fregare il meno possibile!!

Per il resto, se vi capita di perdervi nella medina di Fez, uscite alla prima porta della medina che trovate, così finalmente capirete dove siete finiti… Non c’è niente di più suggestivo che perdersi nella medina di Fez!

Un’altra bella esperienza da vivere a Fez, come a Marrakech, è dormire in uno degli innumerevoli riad, presenti all’interno della medina. Alcuni sono veramente antichi e sono stati restaurati per offrire ai turisti l’idea di com’era una volta vivere in una città araba.

Insomma Fez è veramente una città che vi permette di fare un tuffo nel passato, a poche ore di volo dall’Italia, cosa aspettate?

Fes_Bab_BouJeloud

Le città Imperiali: Marrakech, la città rossa

Standard

Iniziamo con questo articolo una rassegna delle quattro città imperiali del Marocco: Marrakech, Fes, Meknes e Rabat. Per chi non lo sapesse Casablanca, non è una città imperiale!

A differenza di quanto un turista potrebbe aspettarsi, le città imperiali non hanno così tanti monumenti e palazzi da visitare come una capitale europea, sono più che altro città da vivere. I monumenti e le attrazioni di queste città infatti si riescono facilmente a visitare in una giornata! Sono definite città imperiali perché sono state a turno capitali del Regno del Marocco.

Partiamo con Marrakech, la città imperiale più nota e più importante nella storia del Marocco, ai piedi delle montagne dell’Atlante.

Abitata dai berberi fin dal Neolitico, la città è stata fondata nel 1062 ed è stata guidata dalla dinastia degli Almoravidi che costruirono anche numerose moschee (compresa quella più famosa della Koutoubia) e madrase (scuole coraniche) durante il XII secolo, sotto l’influenza Andalusa.

La città è chiamata “Città Rossa o Ocra” per le mura rossa che la circondano e per vari edifici di questo colore costruiti nello stesso periodo utilizzando pietre e sabbia rosse.

Marrakech crebbe velocemente e fu per lungo tempo il centro culturale, religioso e commerciale del Marocco e dell’Africa sub-sahariana; la sua famosa piazza Djemaa El Fna è ancor oggi la piazza più affollata dell’Africa. Dopo un periodo di declino, in cui fu sorpassata da Fes, all’inizio del XVI secolo, Marrakech divenne nuovamente la capitale del Regno e ristabilì la sua gloria specialmente duranti i regni di abbienti sultani Saiidiani che abbellirono la città con palazzi sontuosi e restaurarono numerosi monumenti.

Nel 1912 con l’arrivo del protettorato francese in Marocco, Marrakech fu guidata dal famoso Pasha T’hami El Glaoui, noto come “il signore dell’Atlante”. Nel 2009, Fatima Zahra Mansouri è diventata la seconda donna nella storia del Marocco ad essere eletta sindaco di una città.

Come molte città del Marocco, Marrakech comprende sia una parte antica, fortificata (la medina) che una parte moderna, la più importante delle quali si chiama Gueliz. Oggi Marrakech è uno dei principali centri economici e meta turistica dell’Africa. Marrakech ha il mercato berbero (souk) tradizionale più grande del Marocco, con circa 18 souk dove si vende di tutto, dai tradizionali tappeti berberi a moderni apparecchi elettronici. Qui è possibile trovare tutto l’artigianato marocchino.

Le attrazioni più piacevoli da visitare a Marrakech, oltre al suo souk dove è possibile girare per diversi giorni, sono le seguenti:

Il palazzo di Bahia, attorniato da numerosi giardini. Fu costruito alla fine del XIX secolo dal Grand Visir di Marrakech che visse qui con le sue quattro mogli, 24 concubine e innumerevoli figli (hai capito il Grand Visir!!). Con un nome che significa “splendore” il palazzo era destinato ad essere il più grande del suo tempo ed è stato progettato per catturare l’essenza dello stile islamico e marocchino.

La moschea della Koutoubia, che è la più grande moschea della città ed è situata nel quartiere sud ovest della medina, accanto alla piazza. Il minareto, con i suoi 77 metri di altezza e la moschea sono costruiti con pietre rosse in stile tradizionale.

Le Tombe Saadiane, costruite nel XVI secolo come mausoleo per sotterrare numerosi sovrani Saadiani. Il mausoleo comprende i corpi di circa sessanta membri della dinastia Saadiana proveniente dalla valle del Draa. L’edificio è composto da tre stanze di cui quella più nota è la stanza con le sette colonne. Dal punto di vista architettonico rappresenta l’architettura islamica. Esternamente all’edificio troviamo un giardino e le tombe di soldati e domestici.

La madrasa Ben Youssef, situata nella zona nord della medina, che era una scuola coranica ed è la più grande Madrasa di tutto il Marocco e una delle scuole teologiche superiori più grandi del Nord Africa. Si ritiene che possa aver ospitato fino a 900 studenti. Il cortile in legno di cedro e marmo presenta ricchissimi intagli che rappresentano scritte del corano.

Ci sono inoltre diversi giardini degni di nota come quelli della Menara e Majorelle e musei della cultura del Marocco.

Ma sicuramente l’attrazione maggiore di Marrakech è la sua famosa piazza Djemaa el Fna, dal 1985 parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il nome significa “Piazza dei morti” o “Convegno dei defunti”. La piazza veniva infatti storicamente usata per esecuzioni pubbliche e decapitazioni.

Oggi in questa piazza potete trovare di tutto: incantatori di serpenti, cammelli, scimmie, danzatori, musicisti e cantastorie. La sera poi si illumina a festa con tantissime bancarelle dove è possibile mangiare di tutto di più, cucinato sul momento. È stata descritta come “un’icona urbana metaforica, un ponte tra il passato e il presente, il luogo in cui la tradizione marocchina spettacolarizzata incontra la modernità”.

Per quanto riguarda dove dormire a Marrakech vi consigliamo sicuramente i riad, tipici hotel in stile arabo con il cortile interno (il riad appunto) e le stanze che lo circondano. Vi sembrerà di stare in un palazzo dei racconti di Mille e una notte. Qui a Marrakech ne potete trovare tanti dentro la medina e da lì muovervi a piedi alla scoperta di questa incredibile città!

Questa città è infatti più che altro da vivere e da sentire, con i suoi colori, rumori e odori. Vi consiglio quindi di provare a perdervi nella sua medina e lasciarvi trasportare dall’istinto e dalla curiosità. La cosa peggiore che possa infatti succedervi a Marrakech è  trovare venditori troppo insistenti!!

Marrakech è una città dalle mille sfaccettature, che può diventare troppo per coloro che amano la tranquillità e dove è invece possibile trovare tutto per coloro che amano forti emozioni!!

Cosa aspettate quindi a venire a visitare Marrakech?

I tappeti berberi: storie di vita intrecciate con i fili

Standard

L’origine dei tappeti berberi risale al periodo paleolitico da parte di tribù berbere del nord Africa. I tappeti così creati prendevano il nome dalla tribù di appartenenza.

I tappeti berberi fatti a mano sono tutt’oggi un’industria fiorente in molte zone rurali del Marocco e di altri paesi nordafricani. Molte famiglie berbere si guadagnano infatti da vivere producendo manualmente tappeti e vendendoli in mercati locali o a mercanti d’arte e turisti.

Oggi giorno i tappeti berberi vengono prodotti con diversi materiali: nylon naturale, olefina e lana sono i più comuni e le dimensioni dei telai variano da un produttore all’altro. L’olefina è il materiale più usato e più economico e spesso i tappeti sono creati con filati misti, composti da diversi materiali.

I tappeti berberi sono molto resistenti e spesso si trovano in uffici, scuole e zone di grande passaggio. Sono anche antimacchia e sono più economici dei tappeti orientali più spessi. Lo svantaggio è che può essere difficile pulirli se lo sporco penetra nelle fibre.

I tappeti berberi in origine e spesso ancora oggi, sono però creati per uso personale, soprattutto da famiglie nomadi o seminomadi da usare come coperte, come fondo per le tende o nelle case o per dormirci sopra come un materasso. Le tecniche di tessitura sono sempre state tramandate da una generazione all’altra, rendendo così la produzione di tappeti una tradizione antichissima.

Ciò che unisce i tappeti marocchini è un spirito creativo e arcaico e un linguaggio di simboli e motivi rurali. La manifattura poi cambia a seconda della zona di produzione e d’uso. Per esempio, i tappeti prodotti nelle zone di montagna sono più spessi e più caldi, per proteggere anche dal freddo, laddove i tappeti prodotti nelle zone desertiche del sud del Marocco, più miti sono più sottili e più radi.

Ogni tappeto è unico e porta i disegni delle esperienze e della vita personale della donna che lo ha tessuto. Di conseguenza, taluni tappeti possono essere molto semplici, mentre altri possono essere ricchi di motivi complessi. Anche le irregolarità, essendo prodotti fatti a mano, sono comuni e spesso create appositamente.

I colori e i simboli contraddistinguono i tappeti marocchini autentici. Talune tribù prediligono determinati colori e simboli.

Il linguaggio della tessitura berbera è tra i più complessi del mondo tessile. Spesso quando una donna tesse un tappeto questo funge anche da mezzo di comunicazione per le persone che le sono vicine. I disegni contengono infatti pensieri, idee, speranze e paure importanti. Spesso i simboli si riferiscono all’ambiente naturale, alla fertilità, alla nascita, alla femminilità, alla vita rurale, così come alla spiritualità e alle credenze. Molte tessitrici credevano infatti che i tappeti avessero il potere di tenere lontano il male.

Dato che solo nell’ultimo secolo si è venuti a conoscenza di questa arte in Marocco, i tappeti berberi non hanno subito influenze dall’esterno, a differenza dei tappeti orientali. Ecco perché nei tappeti berberi è possibile trovare ancora simboli e disegni che si rifanno ad antiche tradizioni rurali, un tesoro prezioso che sicuramente bisogna preservare e conservare il più a lungo possibile!

Se volete quindi portare nella vostra casa un pezzo di questa cultura berbera millenaria, non c’è niente di meglio di un bel tappeto berbero. Ma ricordatevi sempre di contrattare a lungo al momento dell’acquisto, onde evitare fregature e, se possibile, di acquistarlo in piccoli villaggi, piuttosto che nelle grandi città, dove è più facile trovare tappeti belli e originali!!

Marocco: un paese che non ti aspetti, con un incredibile varietà di paesaggi

Standard

Image

Il Marocco è un paese che sa davvero stupire in continuazione i turisti che lo visitano.

Nessuno, prima di esserci venuto la prima volta, si aspetta una così ricca varietà di paesaggi, uno completamente diverso dall’altro. Ogni angolo del Marocco è una continua scoperta, che non lascia mai delusi.

Ma partiamo con ordine. Al nord, lungo le coste del mar Mediterraneo, si vedono strapiombi di roccia verde scuro o lunghissime spiagge bianche e insenature rocciose a dir poco stupende.

All’interno il paesaggio è molto simile al centro Italia, spesso ci sono zone con colline verdissime, ricche di uliveti e campi coltivati con ogni tipo di frutta e verdura. L’unico particolare che ti fa capire di non essere in Italia è il colore quasi rosso della terra.

A Nord est troviamo poi la catena dei monti del Rif, montagne verdissime, con alberi tipici della flora mediterranea.

Poi si incontrano le varie città, tra cui quelle imperiali: Casablanca, con la incredibile e maestosa moschea di Hassan II, la più grande del Marocco, a ridosso dell’oceano. Rabat, la capitale del paese con la sua caratteristica medina azzurra e bianca (sembra di essere in un villaggio greco!).

Meknes, tutta bianca con una bellissima medina e infine Fes, con la sua gigantesca medina, dove il tempo sembra essersi fermato ai tempi dei racconti arabi di mille e una notte.

Al centro del Marocco troviamo poi la catena delle montagne dell’Atlas, o Atlante che dir si voglia.

Image

Qui il paesaggio cambia completamente. Ci si trova di fronte ai classici paesaggi di montagna, con l’aggiunta però di estese foreste di cedri del Marocco, che crescono solo qui. A un certo punto si arriva ad una cittadina, Ifrane, dove le case presentano tetti a punta e sembra più di essere in Svizzera che in Marocco. Qui d’inverno c’è la neve e la gente va a sciare, esattamente come in Europa!

Del resto queste montagne non hanno nulla da invidiare alle nostre. La cima più alta raggiunge infatti i 4.000 metri di altezza, una signora vetta!!

Superate le montagne dell’Atlante e i paesaggi tipici delle zone di montagna, si arriva nel sud del Marocco. E qui il paesaggio cambia ancora una volta completamente, in maniera del tutto inaspettata e diventa desertico. Qui troviamo Marrakech, la città imperiale più a sud, tipica città araba, con la sua frenesia e la sua ampia medina sempre affollatissima e bollente d’estate!

Al sud poi si trovano tantissime oasi e palmeti, che corrono lungo fiumi o presunti tali e si estendono a volte per decine di chilometri in alcune valli, per esempio nella valle del Draa. Troviamo poi anche la famosa zona delle kasbah, ricca di queste costruzioni gigantesche tutte in paglia e fango, dei veri e propri capolavori architettonici che solo qui si possono ammirare. In questa zona è poi possibile vedere vallate molto profonde, scavate dall’acqua, simili ai canyon americani, un altro tipo di paesaggio veramente unico!

Si arriva poi al deserto vero e proprio, in taluni luoghi con dune imponenti, bellissime e dai colori dorati, come nell’Erg Chebbi, in altri il famoso deserto pietroso, spoglio e arido come solo i deserti sanno essere.

Se però ci spostiamo verso sud ovest eccoci arrivati ad un altro paesaggio ancora, ovviamente del tutto diverso, quello della costa atlantica. Qui al sud, sotto Agadir, le dune di sabbia del deserto arrivano letteralmente fino all’acqua, creando paesaggi strani e suggestivi. Alcune spiagge, poi, presentano dei giganteschi archi di roccia che si gettano a capofitto nel mare.

Image

Proseguendo lungo la costa il paesaggio cambia ancora, perché verso nord le dune sono sostituite da tantissimi campi di argan, dove è possibile vedere le capre abbarbicate su queste piante, nonostante gli aculei di cui sono dotati i loro rami.

Andando verso nord l’oceano si fa più minaccioso, con lunghe spiagge battute quasi costantemente da forti raffiche di vento e per lo più affollate da amanti del surf.

Fino ad arrivare nuovamente da dove siamo partiti, la punta più a nord del Marocco, Tangeri, da dove, nelle giornate più chiare, senza foschia, è possibile vedere ad occhio nudo la punta dell’estremo sud dell’Europa, in Spagna!

Sicuramente in Marocco, grazie a questa incredibile varietà di paesaggi, il turista non rimarrà mai deluso…

Image

Clima e Temperature in Marocco

Standard

Dune del deserto

Il Marocco gode di un clima temperato mediterraneo a nord e lungo la costa, con estati calde ed inverni miti. Il clima è molto vario a causa della differente natura geologica.

Nelle regioni costiere il clima è generalmente mite, ma soprattutto in quelle del nord, a seconda delle stagioni ci si può aspettare anche freddo e pioggia.

Nelle regioni centrali, montuose, le estati sono gradevoli, gli inverni freddi con neve sulle cime alte. Ricordiamo che la catena dell’Atlante attraversa tutto il Marocco centrale e presenta anche rilievi con picchi che superano i 4000 m di altezza.

D’inverno la neve spesso blocca i passi montani.

Ci sono poi piogge consistenti a Nord durante l’inverno, in autunno ed inizio primavera, che toccano anche in parte il Sud del Paese.

La costa atlantica invece, è quasi sempre battuta da forti venti per lo più freddi, quindi, soprattutto d’inverno è bene avere sempre con sé una giacca a vento per ripararsi.

All’interno e a sud del paese, la vicinanza del Sahara rende il clima più secco, con piogge molto scarse e notevole escursione termica, dovuta all’ambiente arido, che determina un abbassamento della temperatura durante le ore notturne (possono anche scendere sotto zero).

Di giorno infatti, grazie ai raggi del sole le temperature si alzano, ma il terreno arido del deserto non riesce a trattenere questo calore, ecco perché si verifica un brusco calo delle temperature notturne, quando il calore si dissolve rapidamente.

È molto comune l’idea che nel deserto faccia sempre caldo. In realtà d’inverno le temperature scendono e anche di parecchio. È bene quindi informarsi per tempo, onde evitare spiacevoli sorprese.

Le estati al sud sono torride, ma con clima secco.

Durante l’estate il clima di Marrakech e del sud del Marocco può diventare soffocante e superare facilmente i 40°C, soprattutto quando dal Sahara soffia il vento, conosciuto come scirocco o chergui, l’orientale. Questo vento soffia per tutto l’anno, ma soprattutto in primavera. In inverno è freddo, mentre in estate è molto caldo.

Nel deserto in estate si arriva anche a 50°C durante il giorno.

È quindi sconsigliato muoversi nel deserto nelle ore diurne assolate. Nemmeno la gente del posto osa inoltrarsi di giorno e inizia a uscire di casa nel tardo pomeriggio, quando il caldo è diminuito.

I migliori periodi dell’anno per visitare il Marocco sono quindi la primavera (marzo, aprile e maggio) e l’autunno (settembre e ottobre). Le temperature sono molto gradevoli, ma non troppo calde di giorno, né troppo fredde di notte, soprattutto se si vuole visitare il deserto.