5 buoni motivi per partecipare a un tour di gruppo

Standard

tour

Era da tanto tempo che pensavamo a una formula da dedicare a viaggiatori soli e a coloro che desiderano fare un bel tour, risparmiando un po’ rispetto ad un tour privato. E così, per le feste natalizie, abbiamo lanciato la nuova formula dei tour di gruppo.

Ora che le feste sono passate e che tanti amici viaggiatori sono venuti a trovarci in Marocco, ci sembra il momento per fermarci e fare una riflessione su quanto è successo e su come sono andati i tour.

Per prima cosa non possiamo che essere felici: tutto si è svolto nel migliore dei modi, con lo stesso spirito che accompagna da ormai molto tempo i nostri tour privati: organizzazione, competenze e disponibilità.

Abbiamo accolto, seguito, accompagnato e raccontato le nostre storie, quelle del popolo berbero, delle sue tradizioni e abitudini.

Abbiamo provato a risolvere i grandi e piccoli problemi che, inevitabilmente, possono sorgere. E, quando non ce l’abbiamo fatta, abbiamo preferito, nel più genuino spirito berbero, sederci tutti insieme a tavola (a spese nostre, ovviamente!) per scherzarci un po’ su.

Per questo motivo vogliamo elencarvi 5 buoni motivi per partecipare ai tour di gruppo che stiamo organizzando per le vacanze pasquali e per quest’estate. Vi aspettiamo!

ORGANIZZAZIONE
Tutti i contatti e i programmi prima della partenza, sono gestiti da personale italiano per facilitare la comunicazione e l’organizzazione del vostro viaggio in Marocco. Vi proponiamo le nostre migliori proposte di tour al di fuori dei soliti circuiti turistici, che prevedono moderne jeep 4×4 con autista/i locale/i parlante italiano, caratteristici hotel o riad tipici di media categoria dove soggiornare e i transfer da e per l’aeroporto.

 
RISPARMIO
Rispetto a un tour privato, organizzato su misura, il tour di gruppo è sicuramente più economico. I tour di gruppo sono adatti a piccoli gruppi (minimo 4 massimo 16 persone) per assicurare il miglior svolgimento possibile del programma.

JEEP 4×4 e GUIDE CHE PARLANO ITALIANO
Tutti i tour di gruppo si svolgono con moderni fuoristrada 4X4 dotati di aria condizionata e guidati da guide berbere locali che parlano correntemente l’italiano, attraverso itinerari che consentono di apprezzare la gente e la cultura di un paese incredibile, ricco di mille sfaccettature e paesaggi fiabeschi.

ACCOGLIENZA BERBERA
La popolazione berbera è tradizionalmente ospitale, gentile e cordiale. La cultura berbera rispetta la natura e le tradizioni famigliari da tempi immemori ed entrarvi a contatto vi permetterà di conoscere uno stile di vita ormai quasi completamente scomparso in Italia, ma forse un po’ rimpianto.
Annunci

Perchè visitare Chefchaouen

Standard
berbera-strade-citta-marocchina

Se il blu è il vostro colore preferito, la adorerete. Ma anche se amate scoprire piccoli paradisi ancora poco esplorati e immergervi nel fascino dell’atmosfera di altri tempi. Così come se amate i gatti, la buona cucina, l’artigianato, il trekking, la natura, la montagna ecc. ecc.

Chefchaouen è una destinazione non ancora molto conosciuta in Marocco, ma sono davvero tanti i motivi per cui affascina i viaggiatori di tutto il mondo. Possiede infatti uno charme unico per passare momenti magici nel cuore delle montagne del Nord del Marocco.

A partire dagli anni ’30 i muri della sua medina sono stati dipinti di blu. Anzi, di tutte le tonalità di blu che possiamo immaginarci: dall’azzurro al blu elettrico, dal cobalto al blu confetto. Una coreografia di tinte che ricorda il cielo o l’oceano e che avvolge il viaggiatore sin dai suoi primi passi.

E’ possibile visitarla in una giornata ma, per scoprirne davvero l’anima, sarebbe necessario avere a disposizione un po’ più di tempo. Il suo artigianato è, per esempio, davvero ricco e presenta caratteristiche uniche in tutto il Marocco e la cucina è stata inserita tra i patrimoni immateriali dell’Unesco.

Noi la adoriamo ma, ne siamo certi, vi innamorerete anche voi di questa piccola città blu.

Il futuro del pianeta passa da Marrakesh

Standard
cq5dam-web-738-462Novembre è un mese in cui, normalmente, i turisti visitano poco il Marocco. Un mese in cui ci si prepara, questo sì, a festeggiare insieme ai viaggiatori il Natale e il Capodanno.

Ma questo novembre 2016 è stato per tutti noi un mese speciale perchè proprio qui, in Marocco, a Marrakesh, si è svolta la COP22, la Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici.

Un evento che ha animato tutto il paese e che ha riportato, alla ribalta del mondo, l’attenzione sull’importanza dell’utilizzo delle energie rinnovabili a discapito di tutte quelle fonti che inquinano il nostro pianeta come il petrolio o il carbone.

La cosidetta Proclamazione di Marrakesh per l’azione a sostegno del clima e dello sviluppo sostenibile che ha chiuso la settimana di lavori, segna infatti un cambiamento verso una nuova era, decretando come”urgente questione di priorità” l’impegno politico per combattere il cambiamento climatico.

Un risultato davvero importante, come importante è stato il fatto che sia stato conseguito proprio qui da noi, in Marocco dove da tempo la strategia energetica è  incentrata sulla necessita prioritaria dello sviluppo degli investimenti nelle energie rinnovabili .

Entro il 2020 il Marocco vuole infatti arrivare ad una produzione elettrica di origine solare di 2.000 MW  grazie ad un piano di investimento per la creazione di cinque grandi parchi solari nelle zone meglio esposte ed  a maggior irragiamento solare  del paese.

Il ministro dell’Energia, delle miniere, dell’acqua e dell’ambiente durante un incontro economico franco-marocchino, lo scorso 11 marzo a Casablanca, aveva ricordato che il Paese investirà una cifra pari a 40 miliardi di dollari nel settore energetico durante i prossimi 15 anni, di cui 30 miliardi di dollari in impianti in fonti rinnovabili.

Sicuramente intenti molto convincenti che ci raccontano di un forte dinamismo e di un grande impegno nei confronti della salute del nostro pianeta.

Speriamo in bene, o come dicono in Marocco inshallah!!

5 imperdibili motivi per visitare Rabat

Standard

Rabat è, al tempo stesso, capitale e città imperiale del Marocco. Ecco 5 imperdibili motivi per visitarla!

1. STORIA

A Rabat puoi trovare monumenti fenici, romani, della dinastia degli Almohadi e della dinastia berbera di Merinide. Ognuno di loro racconta la sua lunga storia. Del resto, il valore culturale e storico di questa città ha fatto sì che l’Unesco la dichiarasse Patrimonio Mondiale dell’umanità.

rabat_1


2. ARCHITETTURA

La Medina, la cinta muraria del XII secolo, la porta Bab Oudaia e la porta Bab Rouah, la torre di Hassan, il Mausoleo di Mohammed V, la necropoli di Chellah sono solo alcuni esempi dei capolavori maestosi di architettura che si possono ammirare a Rabat.

rabat_2

3 SHOPPING

Per gli amanti dello shopping, Rabat riserva molti negozi di artigianato, tra cui i famosi tappeti di Rabat, ceramiche, ricami, gioielli, lavori in ferro bianco e ceramiche, cestini, stuoie naturali canne e rafia tinta, coperte di lana, oggetti in legno con intarsi e pietra artificiale.


4 CULTURA

Rabat è una città con un’intensa vita culturale. Si possono visitare molti musei e festival. Noi vi segnaliamo il Museo Archeologico che è probabilmente il più importante del suo tipo in Marocco con collezioni che comprendono reperti che risalgono al Paleolitico e al Neolitico.

rabat_3

5  CIBO

I turisti a Rabat avranno modo di conoscere e di apprezzare soprattutto la cucina locale: dallo lo zaaluk, preparato con pomodori e melanzane e salsa piccante al cous cous, dalla salsa amlou, preparata con l’olio di Argan al tajine, un mix di carne, pesce, verdure e spezie varie.

Capodanno 2017 in Marocco: i nostri consigli

Standard

tamburiberberi

Il Marocco, a Capodanno, è diventata una meta irresistibile per tanti viaggiatori che vogliono festeggiare in modo speciale l’avvento del nuovo anno.

Nonostante il calendario lunare, che spesso non fa coincidere le date del Capodanno marocchino con quello occidentale, anche in Marocco, però si festeggia la notte tra il 31 dicembre e il 1 di gennaio.

Dove? In città, come a Marrakech. Ma anche nel deserto.
Se, però, in città, potrete ritrovarvi a festeggiare nelle piazze principali come Piazza Jemaa el-Fnaa a Marrakech e brindare al 2017 sotto a una cascata di fuochi artificiali, tra le dune di ErChebbi potrete accogliere il nuovo anno in un accampamento berbero, al suono dei tamburi e sotto a un meraviglioso cielo stellato.

Due esperienze meravigliose, ma sicuramente differenti!
Se preferite la città, vi consigliamo assolutamente di cenare in uno dei tanti ristoranti del centro e di dormire in un Riad, l’abitazione tradizionale urbana del Marocco, composta da un insieme di stanze, o strutture a più piani, divise da giardini interni o cortili, in alcuni casi con fontane decorative.

Riad_Marocco

Il fascino del deserto, invece, invita ad atmosfere più riflessive e contemplative. Ma anche nel deserto è pur sempre festa e negli accampamenti berberi, dopo cena, si accende il fuoco e la musica del deserto invita i viaggiatori a ballare e a festeggiare insieme.

Con i nostri tour di gruppo (tour di 6 giorni e tour di 10 giorni nel Sud del Marocco e deserto) vi proponiamo di passare il Capodanno proprio qui, in un accampamento berbero in stile berbero dove attendere il nuovo anno in un ambiente unico e incontaminato. 

Un ultimo consiglio per tutti coloro che sceglieranno di viaggiare con noi e di passare il Capodanno nel deserto del Marocco: durante la notte le temperature scenderanno notevolmente. Equipaggiatevi con abbigliamento tecnico da montagna, guanti, berretto e sciarpa per godervi al meglio l’alba del nuovo anno!

Deserto_Marocco

Il Festival dei Datteri a Erfoud in Marocco

Standard

Festival dei Datteri Erfoud Marocco

La palma da dattero è uno degli alberi da frutto la cui coltivazione è  fra le  più antiche a livello mondiale e che, ancora oggi, sostiene l’economia di molte popolazioni nomadi che vivono nel Sahara. Nella regione di Erfoud, in Marocco, ne crescono più di 1 milione di esemplari.

Proprio qui, alle porte del deserto, quando i membri delle tribù locali terminano la raccolta dei preziosi frutti che questa palma regala, inizia la festa. Conosciuto ormai in tutto il mondo, il Festival dei Datteri di Erfoud dura tre giorni e, anche quest’anno,  si terrà a fine ottobre.

Festival dei Datteri Erfoud Marocco

Profumi e colori del bronzo invaderanno le tende berbere delle tante tribù del Tafilalt che qui si incontreranno per esporre le differenti varietà di datteri che hanno maturato al sole durante tutta l’estate e che sono pronti per sprigionare tutto il loro sapore.

Per le vie di Erfoud, inoltre, spettacoli, processioni e danze flokloristiche attenderanno il viaggiatore per trasportarlo in un mix di simbolismo, riti sacri e antiche tradizioni.

Festival dei Datteri Erfoud Marocco

Tutta l’energia sprigionata dai datteri, che sono considerati non solo frutto-dessert, ma come prodotto alimentare di base e come frutto utilizzato per l’elaborazione dei prodotti alimentari di grande valore energetico e dietetico, la ritroveranno a Erfoud anche tutti gli amici viaggiatori che decideranno di partecipare al tour di gruppo “Il magico trio delle città imperiali, Sud Marocco e Deserto in 8 giorni”  che abbiamo organizzato dal 27 ottobre al 3 novembre 2016.

Un’occasione per assaporare la dolcezza di questi frutto dalle tante proprietà e benefici e per immergersi in un’atmosfera di festa, tra allegria, tradizioni e colori.