Archivio mensile:maggio 2017

20 anni di Gnaoua festival: dal 29 giugno al 1 luglio a Essaouira

Standard

E’ tutto pronto e, ormai, siamo alla ventesima edizione! Il Festival della Musica Gnaoua di Essaouira alzerà il suo sipario dal 29 giugno al 1 luglio 2017.
E quest’anno, proprio per celebrare un anniversario così importante, si preannuncia ancora più ricco di appuntamenti ed eventi. La cittadina sull’Atlantico che ha ispirato Jimi Hendrix e i Rolling Stones sta per trasformarsi in un grande palcoscenico a cielo aperto sotto a cui ospitare maestri soul e soprattutto maalems gnaoua, gli artisti discendenti dagli antichi schiavi neri, capaci di indurre la trance con le loro performance.

Per chi non lo conosce, lo Gnaoua Festival è un’occasione unica per ascoltare la tradizionale musicale africana (sub-sahariana) e per sentirla confondersi con elementi e musiche di altre culture dando vita a uno spettacolo unico nel suo genere e a vero e proprio scambio creativo e di dialogo tra le culture. Jazz, pop, rock e soul incontrano qui nuovi ritmi e nuove energie fondendosi e mixandosi in un’esperienza uditiva e sensoriale assolutamente unica.

Anche per quest’anno si prevedono più di 300 mila visitatori e a Essaouira sarà gran festa! La musica e l’arte di ogni genere inonderanno questa antica città portuale patrimonio dell’UNESCO (link a pezzo su Essaouira) e i viaggiatori potranno perdersi tra le sue strade visitando mostre, ascoltando la musica di orchestre improvvisate, partecipando a conferenze e dibattiti.

Tra le star internazionali di questa edizione figurano Hindi Zahra, la voce di ‘Beautiful Tango’, capace di fondere inglese arabo e amazigh in una melodiosa coesistenza, Lucky Peterson, bluesman che spazia dal R&B al gospel al rock, il brasiliano Carlinhos Brown, percussionista che mescola i ritmi tropicali a quelli reggae, Bill Laurance, pianista jazz, compositore e anche arrangiatore dei Morcheeba. L’Africa è rappresentata da Rey Lema, pianista e chitarrista congolese, dagli algerini Gnawa Diffusion, che uniscono jazz e reggae e raï in una palette musicale molto personale, e dal senegalese Ismael Lo, cantautore dal grande seguito, la cui voce ha diffuso con le note suadenti anche i temi caldi della protesta e del razzismo in Senegal.

Per chi volesse avere maggiori informazioni sul programma degli eventi, il sito del festival è costantemente aggiornato e ricco di informazioni http://festival-gnaoua.net/en/