Archivio mensile:maggio 2012

Marocco: un paese che non ti aspetti, con un incredibile varietà di paesaggi

Standard

Image

Il Marocco è un paese che sa davvero stupire in continuazione i turisti che lo visitano.

Nessuno, prima di esserci venuto la prima volta, si aspetta una così ricca varietà di paesaggi, uno completamente diverso dall’altro. Ogni angolo del Marocco è una continua scoperta, che non lascia mai delusi.

Ma partiamo con ordine. Al nord, lungo le coste del mar Mediterraneo, si vedono strapiombi di roccia verde scuro o lunghissime spiagge bianche e insenature rocciose a dir poco stupende.

All’interno il paesaggio è molto simile al centro Italia, spesso ci sono zone con colline verdissime, ricche di uliveti e campi coltivati con ogni tipo di frutta e verdura. L’unico particolare che ti fa capire di non essere in Italia è il colore quasi rosso della terra.

A Nord est troviamo poi la catena dei monti del Rif, montagne verdissime, con alberi tipici della flora mediterranea.

Poi si incontrano le varie città, tra cui quelle imperiali: Casablanca, con la incredibile e maestosa moschea di Hassan II, la più grande del Marocco, a ridosso dell’oceano. Rabat, la capitale del paese con la sua caratteristica medina azzurra e bianca (sembra di essere in un villaggio greco!).

Meknes, tutta bianca con una bellissima medina e infine Fes, con la sua gigantesca medina, dove il tempo sembra essersi fermato ai tempi dei racconti arabi di mille e una notte.

Al centro del Marocco troviamo poi la catena delle montagne dell’Atlas, o Atlante che dir si voglia.

Image

Qui il paesaggio cambia completamente. Ci si trova di fronte ai classici paesaggi di montagna, con l’aggiunta però di estese foreste di cedri del Marocco, che crescono solo qui. A un certo punto si arriva ad una cittadina, Ifrane, dove le case presentano tetti a punta e sembra più di essere in Svizzera che in Marocco. Qui d’inverno c’è la neve e la gente va a sciare, esattamente come in Europa!

Del resto queste montagne non hanno nulla da invidiare alle nostre. La cima più alta raggiunge infatti i 4.000 metri di altezza, una signora vetta!!

Superate le montagne dell’Atlante e i paesaggi tipici delle zone di montagna, si arriva nel sud del Marocco. E qui il paesaggio cambia ancora una volta completamente, in maniera del tutto inaspettata e diventa desertico. Qui troviamo Marrakech, la città imperiale più a sud, tipica città araba, con la sua frenesia e la sua ampia medina sempre affollatissima e bollente d’estate!

Al sud poi si trovano tantissime oasi e palmeti, che corrono lungo fiumi o presunti tali e si estendono a volte per decine di chilometri in alcune valli, per esempio nella valle del Draa. Troviamo poi anche la famosa zona delle kasbah, ricca di queste costruzioni gigantesche tutte in paglia e fango, dei veri e propri capolavori architettonici che solo qui si possono ammirare. In questa zona è poi possibile vedere vallate molto profonde, scavate dall’acqua, simili ai canyon americani, un altro tipo di paesaggio veramente unico!

Si arriva poi al deserto vero e proprio, in taluni luoghi con dune imponenti, bellissime e dai colori dorati, come nell’Erg Chebbi, in altri il famoso deserto pietroso, spoglio e arido come solo i deserti sanno essere.

Se però ci spostiamo verso sud ovest eccoci arrivati ad un altro paesaggio ancora, ovviamente del tutto diverso, quello della costa atlantica. Qui al sud, sotto Agadir, le dune di sabbia del deserto arrivano letteralmente fino all’acqua, creando paesaggi strani e suggestivi. Alcune spiagge, poi, presentano dei giganteschi archi di roccia che si gettano a capofitto nel mare.

Image

Proseguendo lungo la costa il paesaggio cambia ancora, perché verso nord le dune sono sostituite da tantissimi campi di argan, dove è possibile vedere le capre abbarbicate su queste piante, nonostante gli aculei di cui sono dotati i loro rami.

Andando verso nord l’oceano si fa più minaccioso, con lunghe spiagge battute quasi costantemente da forti raffiche di vento e per lo più affollate da amanti del surf.

Fino ad arrivare nuovamente da dove siamo partiti, la punta più a nord del Marocco, Tangeri, da dove, nelle giornate più chiare, senza foschia, è possibile vedere ad occhio nudo la punta dell’estremo sud dell’Europa, in Spagna!

Sicuramente in Marocco, grazie a questa incredibile varietà di paesaggi, il turista non rimarrà mai deluso…

Image

Annunci